mercoledì 17 ottobre 2012

Dice che le scale le devi fà in ginocchio

La tanto decantata "eternità" di Roma si manifesta continuamente nei suoi più molteplici aspetti: dalle infinite, eterne attese alle fermate d'autobus, alla persistenza di antiche tradizioni, giunte sorprendentemente immutate fino ai giorni nostri, dopo un tempo quasi eterno. E quando capita di assistere al lento incedere di fedeli che risalgono i gradini della Scala Santa in ginocchio, esattamente come accadeva cinque secoli fa, non possiamo che rimanere affascinati dalla potenza simbolica di una tradizione sopravvissuta persino all'uscita del fottutissimo I-phone 5. Alla base del "percorso" un cartello multilingue fornisce ai visitatori casuali le istruzioni per l'uso, mentre alcuni tra i "volontari" si concedono, in linea con la modernità di una società ormai decisamente welness oriented, la rinuncia a sofferenza e sacrificio grazie all'utilizzo di pratici cuscini salvaginocchia. Come agognato premio li aspetta l'indulgenza da tutti i peccati, ma solo a tempo determinato. Lo status di santità applicato a semplici gradini di marmo deriva nientedimeno che dalla leggenda della loro appartenenza alla scala originale del palazzo di Ponzio Pilato, teatro dello storico processo a Gesù Cristo, fatta recapitare da S.Elena, madre dell'imperatore Costantino, come ingombrante souvenir del suo lungo viaggio in terra santa. Utilizzata in principio come scalone di ingresso dell'antico palazzo Lateranense, venne successivamente ricollocata all'interno dell'attuale edificio cinquecentesco ricostruito ad hoc, opera dell'architetto Domenico Fontana, realizzato nell'ottica del rivoluzionario rinnovamente edilizio dell'intera piazza S.Giovanni commissionato da Papa Sisto V.

La scala venne dunque rismontata, trasferita e ricostruita gradino per gradino nel giro di una sola notte (praticamente la metà del tempo che impiegherebbe un essere umano normodotato a montare una stupidissima libreria Billy di Ikea), e venne dunque riciclata come accesso privilegiato all'antica cappella privata dei pontefici, unico elemento originale risparmiato dalla demolizione dell'intero complesso Lateranense. La scala è rivestita da una protezione in legno di noce, al fine di evitare la consunzione del sacro marmo ad opera delle spigolose ginocchia dei fedeli, e rimane visibile solo parzialmente attraverso alcune apposite fessure: lo stesso meccanismo di protezione del divano buono in salotto con copridivano tattico, e stesso deludente effetto. Il punto di arrivo della scomoda ascesa è rappresentato da un finestrone con grata, di fronte al quale i fedeli sostano a fine percorso in adorazione dell'immagine del cosiddetto Salvatore Acheropita, custodito all'interno della suddetta cappella privata.

La cappella dei pontefici (in realtà cappella di S.Lorenzo) è conosciuta inoltre come Sancta Sanctorum (santa tra le sante, o come si dice a Roma santa 'na cifra) per via della preziosissima e cospicua raccolta di reliquie di quelli che possono considerarsi i veri e propri big della santità: dalle teste di Pietro e Paolo, in seguito ritrasferite nella basilica, alla testa di S.Agnese, fino ad arrivare al sacro prepuzio di Cristo, la cui travagliatissima vicenda meriterebbe un post a parte. Impunemente sottratto da un Lanzichenecco durante il sacco di Roma, fu ritrovato a Calcata in seguito alla cattura sul posto dello sventurato ladro di prepuzi, dove venne infine custodito nella chiesetta del paese fino all'ultimo clamoroso furto del 1983. Il fatto che l'ultimo atto si sia svolto proprio nel borgo colonizzato dagli ex hippies, in un contesto fricchettone di peace and love in cui era lecito fumarsi di tutto, rende l'intera faccenda persino più inquietante. Tornando alla cappella privata dei pontefici, per noi che alle ginocchia ci teniamo (e presuntuosamente riteniamo di non avere peccati da assolvere) ci è concesso raggiungere più comodamente questo autentico gioiello medioevale percorrendo la scala parallela, che passando attraverso l'adiacente oratorio di S.Silvestro, permetterà di accedere direttamente all'interno del Sancta Sanctorum.


Tra affreschi originali del 1200, splendidi mosaici e decorazioni Cosmatesche, emerge su tutto come indiscusso protagonista la meravigliosa immagine del Cristo Salvatore. Narra la leggenda che l'apostolo Luca, notevolmente apprezzato per le sue doti pittoriche, si accinse a realizzare su richiesta dei fedeli un ritratto di Gesù come celebrazione dopo la sua morte. Dopo essersi limitato a tracciare un pigro disegno di base, l'apostolo decise quindi di lasciare il lavoro incompleto pensando di proseguire il giorno successivo (mi ricorda qualcuno), ma è proprio nel corso della notte che accadde il miracolo e la tavolozza si perfezionò senza il suo intervento con una spontanea e prodigiosa apparizione di eccezionali colori. Per questa ragione l'immagine venne denominata Cristo "Acheropita", che in greco bizantino significa appunto "dipinto da mano non umana". Approfitto quindi dell'episodio per augurare lo stesso prodigio a chi dovesse accingersi a rimbiancare le pareti di casa (potremmo persino inaugurare il pantone acheropita). L'immagine è oggi quasi interamente nascosta da una ricchissima copertura argentea, decisione che risale al pontificato di Innocenzo III. In realtà persino il volto, unica porzione apparentemente visibile, è stato riprodotto su di un velo di seta successivamente applicato sull'originale (di nuovo la storia dei maledetti copridivani). Questo significa che non conosceremo mai la straordinaria bellezza di un'immagine, frutto di una tecnica talmente sorprendente da essere ritenuta soprannaturale e dovremo dunque limitarci a percepirne la potenza e l'importanza dietro un eloquente strato di superficiale ricchezza.


Esattamente di fronte troviamo l'armadietto custode delle sacre reliquie, chiaramente blindatissimo. Tra tutte rimane visibile, esposto su una delle pareti laterali, solamente una porzione del legno della tavola dell'ultima cena. Levatevi comunque dalla testa l'immagine della tavolata per tredici di leonardesca memoria e pensate piuttosto a una sorta di monovassoio da colazione in camera, vale a dire quello che un tempo era considerato tavolo. E mentre dal finestrone con grata le fedeli giunte in vetta ci scrutano come fossimo in un esperimento di osservazione comportamentale, decidiamo infine che è arrivato il momento di uscire. All'esterno ci attende nuovamente il traffico impazzito di piazza S.Giovanni, semafori, clacson e un'orda di venditori ambulanti che cerca di rifilare ogni genere di paccotiglia. E quasi viene il dubbio che alla fine la salita in ginocchio in confronto sia solo un sano esercizio di relax. Persino senza cuscino.

La Scala Santa si trova in Piazza S.Giovanni 14. Il Sancta Sanctorum è visitabile tutti i giorni (escluso la domenica e il mercoledì mattina) dalle 10:30 alle 11:30 e dalle 15:00 alle 16:00. Ad ogni modo è consigliabile prenotare o chiedere maggiori informazioni allo 06-7726641.

E visto che era un pò che non lo facevo vi ricordo ancora una volta del mio libro "Roma Fuoripista". Una selezione dei migliori itinerari nello stile "Dice che a Roma" che potete acquistare on line direttamente sul sito www.romafuoripista.com o nelle librerie romane indicate sulla medesima pagina! Daje che Natale è vicino (seeeeee)

24 commenti:

  1. Ricordo di averla fatta nella gita scolastica di quarta ginnasio, e di aver provocato le ire di qualcuno perchè saltavo a piè pari un po' di gradini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho saltato direttamente tutta la scala, aggirandola su quella laterale ;)

      Elimina
  2. Troppo forte la storia dei copridivani :-)
    A proposito: sembra che la scala sia stata "rimontata" partendo dall'ultimo gradino in alto, proprio per non doverli calpestare se si fosse partiti dal basso.
    Ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e bravo Jajo, me dai sempre soddisfazione te :)

      Elimina
  3. mah, pure a me sta antipatico l'iphone, ma quella scala non fa decisamente per me... ho le ginocchia deboli (ma soprattutto la testa dura... :D)

    RispondiElimina
  4. che libro hai scritto te?? :P
    però mica l'ho capito se te l'hai fatta in ginocchio...

    RispondiElimina
  5. La storia del divano ha fatto sorridere pure me, ma arrivati a: "sventurato ladro di prepuzi"... non sono riuscita a trattenermi! Uahahahahahh!!!

    Probabilmente la mia presunzione è talmente alte che nemmeno sotto minaccia farei la scala in ginocchio.. anche coi cuscini!

    Bel post come sempre!! Certo che con la tua conoscenza terrai in scacco serate intere! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe grazie Sara! Più che serate intere adesso sto cominciando a tenere in scacco qualche domenica pomeriggio..passeggiate "fuoripista" alla scoperta delle curiosità di Roma ;) peccato tu sia un pò lontana!

      Elimina
  6. allora la storia della scala santa la conoscevo... ma sta storia del prepuzio di Gesù non solo non la sapeva ma non avrei mai immaginato esistesse una storia/leggenda simile!! nemmeno nei mie sogni... sono ALIBITO...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi di prepuzi dello stesso titolare sembra ce ne siano in giro almeno una trentina...

      Elimina
  7. Nooooo i 'pratici cuscini' no! ahahaha Non c'è più religione, è il caso di dire :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè dopo l'eliminazione del cilicio, l'uso del cuscino è un ulteriore passo in avanti verso una religione più "soft" giusto? devo dire che però la maggior parte delle persone faceva senza!

      Elimina
  8. oddiooooo, nummedì che soo so' fumato (er prepuzio, intendo!)
    :D :D :D :D !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahahah vedo che hai colto...io non ho detto niente però ;)

      Elimina
  9. i cuscini salvaginocchia noooo ahaha

    RispondiElimina
  10. Posso dirti che mi sono bastate le scale, a piedi, del Cupolone? :)

    RispondiElimina
  11. Non l'ho mai fatta in ginocchio però, devo dire che queste "usanze" capitoline hanno un certo fascino.. visto con gli occhi di una turista, ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Carolina, in effetti a prescindere da ogni religione o credenza quello che affascina è sempre la tradizione! un saluto

      Elimina
  12. Salire in ginocchio le scale? Bene. Dov'è che sta l'inferno? Faccio le valigie... :)

    RispondiElimina