mercoledì 21 dicembre 2011

Dice che al Mandrione

Esistono paesaggi urbani che non potremmo trovare in nessun altro posto del mondo, vere e proprie scenografie metropolitane scolpite da una storia millenaria che non conosce interruzioni, in cui la "Roma eterna" non si coglie più nell'immobile monumentalità di un passato ancora in piedi, ma al contrario nella costante mutazione di una città che ha continuato a trasformare se stessa e il suo patrimonio in un alternarsi di splendore e miserie: la borgata del Mandrione è il risultato di tutto questo. Antichi acquedotti Romani e Rinascimentali, linee ferroviarie, tracce di campagna e schegge di borgata si incrociano e si accavallano in un'orgia architettonica senza tempo, dove la magnificenza delle antiche opere idrauliche si fonde con l'ingegno della povertà delle recenti baraccopoli, regalando nuova vita e nuova funzionalità alle vestigia del nostro passato. Questo viaggio nella stratificazione storica e antropologica si snoda lungo il percorso dell’omonima via del Mandrione e l’ultimo tratto della via Casilina vecchia, dove il confine tra la città e la campagna è un illusione che si ripete ad ogni svolta.

La zona venne occupata dagli sfollati del bombardamento di San Lorenzo del 1944, che proprio sotto gli archi dell'acquedotto Felice trovarono rifugio e ispirazione architettonica. Con l'aiuto di travi e lamiere gli archi dell'acquedotto vennero convertiti in veri e propri spazi abitativi, dando vita ad una piccola comunità con pacchetto completo di orticelli, bande di monelli scalzi e puttane di quartiere al seguito. E mentre case-grotta, case-sassi e case-barche attirano l’attenzione e la curiosità dei turisti di tutto il mondo tra l'Olanda e la Lucania, solo a Roma avrete modo di scoprire ciò che resta di quelle che potremmo battezzare case-baracche-acquedotto: più baracche che case, ma con il merito di un'ingegnosità che va ben oltre il risultato estetico. Questa convivenza tra sfollati, zingari e puttane negli anni 50 fu ovviamente una folgorazione per Pier Paolo Pasolini, che in onore di tanta sporca decadenza spese fiumi di pellicola e di inchiostro per celebrare la vita del Mandrione e dei suoi giovanissimi abitanti: " (...) la pura vitalità che è alla base di queste anime, vuol dire mescolanza di male allo stato puro e di bene allo stato puro: violenza e bontà, malvagità e innocenza, malgrado tutto." 

La parte più raccolta è l’ultimo tratto verso la via Casilina, dove tutto sembra convergere verso un ideale centro di equilibrio: le strade e i binari si rincorrono in maniera sempre più serrata sotto gli archi dell'acquedotto Felice, e tra il via vai di ciclisti e l'onnipresente abbaiare di sottofondo, il Mandrione si trasforma in borghetto di artigiani, carrozzieri e falegnami. Un piccolo orto di campagna atterrato nella metropoli da chissà dove diventa parchetto per far pisciare i cani, centro di aggregazione sociale e luogo di bivacco gastronomico con tanto di panche, griglia per la braciolata e terrazza con vista sulla ferrovia, un spazio metafisico dove il lento strisciare dei treni scandisce un tempo che quassù sembra aver deciso di scorrere con un ritmo proprio, parallelo e rallentato.

Pochi metri più avanti l’illusione continua nel regno del "marmocemento", dove nonostante abbiate mancato l'appuntamento con lo spacciatore del parchetto, inspiegabilmente appariranno di fronte a voi la bocca della verità e una miniatura del Colosseo. Geloso del proprio status di rappresentante della città eterna, il Colosseo è forse li a ricordarci che anche lui, come gli acquedotti del Mandrione, ha il suo sporco passato di pascolo per vacche e cava di marmi papalina che lo ha tenuto in vita, ed è ingiusto pensare che sia sempre rimasto li solo come un bel pezzo da museo. In realtà questa bizzarra visione si spiega con la presenza dell'adiacente fabbrica "Roma Antica", una fucina di evocativi manufatti in marmocemento tra il kitsch e il pretenzioso, in cui statue classiche e fontane gareggiano per eccesso di pomposità alla ricerca di una collocazione in qualche "sobrio" giardino Romano.
Con i binari che scompaiono all’orizzonte e gli acquedotti che sembrano non avere fine viene da chiedersi dove sia finita la città, che quasi sembra farsi da parte per lasciare spazio a questo gioco di equilibri senza tempo. Il continuo incrociarsi, apparire, sparire crea una vertigine che lascia un vuoto allo stomaco, e quando il vuoto si trasforma in languore e il languore in fame nera è segno che è arrivato il momento di fare un salto in zona "Certosa"” per approdare in una delle ultime trattorie romanesche: l'Osteria da Betto e Mary.

Li dove il bagno si chiama "cesso" e il vino della casa stordisce con la violenza di un cazzotto in faccia, è possibile ritrovare i sapori perduti dell'autentica cucina Romana. Tra rutti, stornelli e pianti di infanti disperati a squarciare l'aria e le membrane del timpano, un piatto di pajata e un fiasco di vino rosso vi riconcilieranno con le atmosfere delle vere borgate Romane. Per un esperienza veramente hardcore non dovete assolutamente perdere i pranzi sociali a 10 euro ogni ultima domenica del mese, dove in compagnia degli abitanti della zona potrete unire l'utile al dilettevole contribuendo alle piccole battaglie sociali del quartiere e soprattutto alla difesa del vostro colesterolo. E se al secondo piatto di trippa sentirete crescere in voi un senso di colpa (e probabilmente non solo quello), consolatevi pensando che la vita è sempre meglio godersela: in fondo da queste parti di eterno rimangono solo gli acquedotti!

"Betto e Mary" si trova in via dei Savorgnan 99


24 commenti:

  1. Me voijo augura' che te sei fatto "er trittico", da Betto e Mary (coratella, coda alla vaccinara e pajata): 'n delirio !!! E i sfilacci de cavallo che t'hanno fatto ? :-)))
    Bel post (ennesimo): ne ho uno simile quasi pronto ma per fortuna ben diverso, altrimenti avrei seriamente iniziato a preoccuparmi di "strane pratiche di divisione" avvenute in ospedale alla mia nascita :-D
    Ciaooooo (e auguriii !!!!)

    RispondiElimina
  2. Allora ci si trova in via dei Savorgnan n. 99: vedi di non mancare, aspettami, non darmi buca ;)
    che poi m'offendo, tzè!
    Colosseo a parte, sono proprio gli acquedotti le opere romane che più mi hanno lasciato (e ancora lo fanno) stupefatta.
    Lo sgambetto non te lo faccio a te! Che scherzi? :P e auguri di buone feste. Io aspetto la Befana :)

    RispondiElimina
  3. Cotraddizioni della città eterna:racchiudono,enfatizzandole,le contraddizioni di questo nostro paese.
    Buone feste,Costantino

    RispondiElimina
  4. @Jajo hehehe stavolta niente trittico Jà...il pranzo sociale prevedeva una contenutissima accoppiata di pasta e facioli e sarsicce alla brace. dopodichè ho ricordi confusi..

    @Chaillrun e chi se move! Calcola che ancora non riesco a alzamme da tavola ;)

    @Costantino Buone feste anche a te Costantino. La tua visita è sempre un piacere!

    RispondiElimina
  5. Sento che un giorno ambienterò un mio grande romanzo a Roma. E che tu mi farai da guida. :-))

    Dolci Auguri anche dallo Zio Nick...

    RispondiElimina
  6. Grazie per questo viaggio!
    nel frattempo buon anno anche a te

    RispondiElimina
  7. @Zio contaci!! Auguroni anche a te...per un nuovo anno di meritatissime pubblicazioni!

    @Ernest grazie a te per la visita! Maya o non Maya tanti auguri per il 2012!!

    RispondiElimina
  8. E' stato bello percorrere...
    Buon Natale Andrea
    dandelìon

    RispondiElimina
  9. Auguri di Buon Natale e felice anno nuovo :)

    RispondiElimina
  10. sono connessa con una pennetta (e la linea va e viene) quindi vado super veloce: abbelloooooo tanti cari auguri!!! ^.^

    RispondiElimina
  11. Buon Natale! chissa che se mangnano strasera da Betto e Mary.....

    RispondiElimina
  12. @Dandelion67 Grazie per la visita e a questo punto ricambio con gli auguri di buon anno

    @Max Mi accodo al felice anno nuovo, sto Natale già se lo semo levato dalle palle (colta citazione vanzinesca) :)

    @Max Tanti auguri anche a te! Che se so magnati da betto e Mary non lo so, ma pure io nun ce so annato pe niente leggero!! ;) Buon anno!!

    RispondiElimina
  13. @turista sta pennetta t'ha mandato dritta drtitta nello spam :))! Tantissimi auguroni anche a te!

    RispondiElimina
  14. eccomiiiii presenteeeeeeeeeee! ma quanto son belli questi post(i)?
    gli auguri di natale e capodanno son svampati.... passo direttamente a quelli della befana!!!
    ciao, cris

    RispondiElimina
  15. Augurandoti buon 2012, ti invito a dire la tua scegliendo i migliori film e attori del 2011.

    FILM 2011

    RispondiElimina
  16. bello il post, ma Betto e Mary no, ti prego. 30 anni fa, forse anche 20, era un posto unico, ma ora è solo un ricordo, quel posto!

    Complimenti per il blog

    RispondiElimina
  17. @A Ceppì...n'altro pò e me li facevi pe Pasqua.. ;)

    @Old man Benvenuto e grazie per la visita! Purtroppo per chi ha avuto la fortuna di frequentare certi posti 20 anni fa il confronto non regge mai! Ma che tocca fà? Meglio un Betto e Mary che "nun è più quello de na volta" che un wine-lounge-disco-restaurant-theatre-bar dei miei cojoni, giusto? ;) Un salutone e a presto!

    RispondiElimina
  18. Sono cresciuta tra cucina abruzzese e cucina romana, per quello ora sono quasi vegana... ndo annavo annavo era da crepà :) Roma, unica.

    RispondiElimina
  19. @Maraptica benvenuta! hehehe quindi manco le polpette cacio e uova te poi magnà...uniche pure quelle ;)

    RispondiElimina
  20. Risposte
    1. Ciao Andrea ho letto solo ora il tuo articolo o la tua storia,ti voglio solo fare un'appunto sul passo del parchetto,ti posso garantire che non serve per far pisciare i cani e sicuramente non ci sono spacciatori,noi il nostro spazio verde lo controlliamo e lo curiamo perchè non vogliamo perdere ciò che abbiamo conquistato con le nostre battaglie.

      Elimina
    2. bella Luigi e complimenti per il vostro lavoro. Cani e spacciatori fanno parte dell'immaginario di ogni parchetto di periferia (e almeno di cani ce ne ho visti un bel pò con i loro padroni, come è normale che sia..e un'innocua cannetta su quelle panchine ce la siamo fatta un pò tutti). Nessun intento denigratorio, anzi! se ho deciso di raccontare (sono solo un blogger che racconta la propria città e non un giornalista) questa parte di Roma è perchè evidentemente ne sono rimasto positivamente colpito e affascinato. Un saluto e grazie per il vostro lavoro!

      Elimina
    3. Ciao Andrea,sono contento della tua tempestiva risposta,ma tu mi devi capire in quel paerchetto io e altri "ragazzi" del comitato ci stiamo mettendo l'anima.
      Comunque t'invito a ripassarci e vedrai che è molto cambiato da quando sei passato te e quando faremo l'inaugurazione dei lavori che hanno fatto sulla via te lo farò sapere così avremo modo di conoscerci.

      Elimina
    4. ci conto Luigi!! anzi fammelo sapere con un pò di anticipo che spammo un pò sulla pagina facebook del blog ;) a presto

      Elimina