martedì 24 gennaio 2012

Dice che è la moschea più grande d'Europa

Nell’ambito di quell’eterna competizione dove le misure contano eccome, e che vede in questo caso protagonista la cupola di San Pietro nel difendere il suo record in altezza come dominatrice assoluta dello skyline Romano, è particolarmente ovvio come l’antagonista più temuto sia stato in passato il minareto della grande moschea di Roma. L’imponente edificio vide la sua genesi nei lontani anni sessanta, quando il re Faysal dell’Arabia Saudita, desideroso di raccogliersi in preghiera nel corso di una sua visita a Roma, si rese conto di come la città non fosse attrezzata per adempiere agli obblighi di una fede non esattamente condivisa dagli inquilini del Vaticano. In conseguenza dell’episodio, dietro formale richiesta e concreto stanziamento di fondi da parte del governo dell’Arabia Saudita, si avviò dunque quel lunghissimo percorso di progettazione e realizzazione della prima moschea di Roma, che solo nel 1995 riuscì infine a vedere la luce. Unici vincoli all’accettazione del progetto un minareto non troppo alto (e assolutamente meno dotato del cuppolone) e preferibilmente silenzioso. All’ombra del monte Antenne e a poca distanza dal regno dorato del quartiere Parioli venne dunque innalzata la più grande moschea d’Europa, nonchè l’unica ad essere priva di altoparlanti per il consueto richiamo alla preghiera. La struttura esterna riesce a combinare i dettami della tradizione architettonica Italiana di Paolo Portoghesi, nel suo ostentato razionalismo ministeriale anni ottanta (non cercate la definizione nei libri di architettura, l’ho creata in questo istante), con la più classica tradizione Islamica.

Il venerdì è il giorno di preghiera in cui la moschea prende vita assalita da migliaia di fedeli Musulmani di ogni nazionalità. Per l’occasione viene allestito lungo il perimetro esterno un colorato mercato, punto di incontro della comunità nel solco della consolidata tradizione di mangiare insieme dopo la preghiera. Da alcuni anni il mercato è divenuto oggetto di polemica tra comune, municipio, vigili e abusivi in una gazzarra tutta Italiana dove la ricerca di una regolarizzazione soddisfacente per tutti, si perde nei paradossi di una burocrazia che come al solito assume le sembianze del mitologico cane che si morde la coda senza risolvere un cazzo. Nel frattempo, fra cicliche retate e regolarizzazioni a singhiozzo la festa continua, e se volete cedere alla tentazione di provare gli autentici sapori della cucina tradizionale, tra cous cous e carne d’agnello, mischiandovi alla coivolgente atmosfera di una città Mediorientale, il mercato del venerdì rimane comunque il posto giusto. Al centro del dibattito di cui sopra, il fatto che cibi cotti e serviti direttamente in strada rappresentino la violazione di ogni principio igienico, argomentazione che per noi Romani cresciuti per generazioni con i mitici panini con la salsiccia dello “zozzone” (una sorta di ufficioso franchising delle camionette notturne), si rivela decisamente poco incisiva.

Se oltre all’unto del kebab siete interessati anche agli aspetti più culturali, sappiate che la moschea si concede ai visitatori ogni mercoledì e sabato mattina fra le nove e le undici e trenta, ad esclusione del periodo del Ramadan.
Percorrendo il lungo corridoio oltre la scalinata si rimane un po’ dubbiosi e incuriositi da una scelta architettonica difficilmente classificabile, mentre attraversando una lunga serie di colonne a calice di gusto apparentemente postmoderno, solo a tratti riusciamo a riconoscere gli elementi appartenenti a quell’immaginario decorativo che possa soddisfare le nostre aspettative di esotismo orientale. Una volta giunti nel cortile ci accorgiamo di come i due stili sembrino infine convergere tra loro, e mentre ancora ci chiediamo se ci si trovi nel patio dell’Alhambra o degli uffici postali di piazza Bologna, il portale davanti a noi scioglie ogni dubbio e ci invita ad entrare. L’impatto è di quelli che lasciano a bocca aperta, e quasi ci dimentichiamo dell’obbligo di lasciare le scarpe all’ingresso. Ci si ritrova improvvisamente immersi in una soffusa luce azzurra che, con chiari rimandi alla moschea blu di Istanbul, ci avvolge in un contesto decorativo povero di immagini e ricchissimo di suggestioni. Una guida del posto è sempre disponibile ad accogliere i visitatori, per rispondere alle domande e dare qualche informazione ai più curiosi. Nel nostro caso, dopo una brevissima introduzione tecnica ricca di notizie interessanti, il nostro affabile Cicerone del Sudan si è lanciato in un monologo estremamente complesso, che passando attraverso filosofici tentativi di indottrinamento, si è infine arenato sull’annosa questione della cattiva influenza delle donne dei calciatori sulla riuscita del campionato (prendendosela misteriosamente in particolare con quelli del Napoli).

Ad arginare il fiume di parole, la rasserenante visione di una selva bianca di colonne a tre steli, raffinato richiamo ad un oasi di palme, che si slancia verso l’alto in un elegante gioco di architetture dalle linee concentriche. Ai lati della sala la nostra attenzione viene invece attirata dai matronei, veri e propri soppalchi riservati alle donne, secondo il principio islamico di separazione dagli uomini nel momento della preghiera. Il bagno con la vasca per le abluzioni, tappa necessaria prima dell’uscita, è direttamente collegato con la sala principale, ed è li che ci scopriamo infine profondamente provinciali nel nostro rimanere affascinati di fronte alla visione di un comune cesso pubblico, semplicemente adattato alle diverse esigenze di una tradizione che prevede il rituale  lavaggio purificatore prima del momento della preghiera. Dettagli lontani dal nostro quotidiano che ci sorprendono nei posti (e nei momenti) più impensati. All’interno della struttura è presente anche un importante Centro culturale Islamico, dove oltre a una biblioteca e a un centro congressi, è ospitata anche una scuola di lingua araba aperta a tutti con le lezioni del sabato mattina. Le difficoltà dell’idioma rappresentate dalla celebre espressione “ma che parlo arabo?” potrebbero farci dimenticare il piacere di avvicinarci a una lingua così strettamente connessa al proprio universo culturale e il cui apprendimento, lungi dal prepararci a una conversazione nella prossima vacanza sul mar Rosso, diventa l'occasione per imparare a conoscere la ricchezza di questa affascinante cultura, celata dietro la raffinata eleganza della propria arte calligrafica. La visita è finita e mentre ci allontaniamo osservando il minareto che si staglia sull’enorme cupola di piombo, mi torna in mente la divertente risposta della guida alla nostra domanda: “ma si sente il canto del Muezzin?” “No, quello dava fastidio a Maurizio Costanzo”. Scherzosa battuta che nasconde un’inquietante verità sull’Italia di oggi.

32 commenti:

  1. Dopo esser riuscito a visitare mesi fa la Sinagoga non mi dispiacerebbe entrare anche qui...dopo la descrizione mi son parecchio incuriosito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che vale la pena mark! Grazie per la visita!

      Elimina
  2. Mi sento quasi chiamata in causa :-))))
    Non l'ho mai visitata, dato che sinceramente ne ho piene le tasche ( e pure le orecchie, qui da me i muezzin urlano peggio di dj in discoteca...) ma hai avuto il potere di farmi salire un briciolo di curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe capisco, ma almeno questa è senza audio ;) E il miscuglio architettonico che ne è uscito fuori vale la pena di essere comparato con gli originali dalle tue parti. Una specie di moschea alla Romana.. ;)

      Elimina
  3. Torno da un bel viaggio in Marocco, durante il quale ho voluto fermarmi a Casablanca per vedere la Moschea di Hassan II. Sono sempre stato affascinato dalle moschee e la possibilità di vederne una di dimensioni grandiose e che in più si affaccia sull'oceano era un'occasione troppo ghiotta. Ma forse le aspettative che mi ero fatto erano troppe e, sebbene di grande impatto, l'ho trovata troppo moderna...e decisamente meno post-moderna delle foto della moschea a Roma che mostri.
    Mi rimarrà sempre in mente una piccola moschea a Tripoli(visitata con il consenso della mia guida per pochi minuti), semplice e intima, un vero gioiello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto!! In effetti la vera particolarità di questa moschea è l'insolita mescolanza fra post-moderno Italiano e gli elementi tradizionali dell'architettura Islamica. Facci un salto..è più vicina di Casablanca e ne vale comunque la pena! Ciauz

      Elimina
  4. Come sempre succede, ci sono passato qualche migliaio di volte, ma non ho mai pensato che si potesse visitare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe capisco perfettamente...l'ho scoperto anch'io da poco ;)

      Elimina
  5. Non vi fate mancare niente eh? Grandioso come sempre... Il pizzico d'ironia ci sta da Dio poi... Un piacere leggerti :)
    Se aspetti due minutini gonfio le ruote alla bici e arrivo :D

    RispondiElimina
  6. La tua descrizione è puntualmente dettagliata e incuriosisce. L'idea di trovare un ambiente povero di immagini e ricco di suggestioni non può che far venire la voglia di entrarci in quella moschea (tra l'altro mai vista una moschea) Grazie ancora per questa chicca caro Andrea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana! A quanto pare ci incuriosiamo a vicenda ;) Per quanto riguarda le immagini l'Islam vieta qualsiasi rappresentazione figurativa del divino ( o del profeta), mentre le figure umane (per quanto rappresentabili al di fuori dei luoghi di preghiera secondo canoni ben lontani dalla verosimiglianza...per non entrare in competizione con dio ;) ), non sono accettate nei luoghi di culto per evitare distrazioni e derive verso l' idolatria. Ecco perchè tutto l'impianto decorativo ruota intorno alla meravigliosa arte calligrafica...

      Elimina
  7. Grande Andrea,il "razionalismo ministeriale" è mitico !
    Tra mercati africani, chiese ortodosse, moschee islamiche... dice che Roma è proprio una gran città! (alla faccia de MauriZZio Costanzo!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. er buc...ehm...l'ombelico del mondoooooo ;)

      Elimina
  8. Solo Istanbul batte Roma per le sue moschee... ma del resto, non è la seconda Roma per eccellenza? L'ho amata tutta, con occhi, naso e cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e se passi al mercato della moschea per un kebab la amerai anche con la gola :)

      Elimina
  9. Non amo nessuna religione istituzionalizzata, ma come costruzioni le moschee sono bellissime, più belle della maggior parte delle chiese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non amo le derive e le degenerazioni delle religioni istituzionalizzate...però bisogna ammettere che hanno tutte degli aspetti molto affascinanti!

      Elimina
  10. Ogni luogo o edificio, specie se culturalmente differente da quello personale, affascina. Una moschea c'ha il suo bel porco perché, indubbiamente.
    Un post bello, ma .. forse che pure per Roma è troppo? Culla mille e più (si fa per dire) culture e modi d'essere, sopravviverete voi veri Romani de Roma??? (allegro sfottò) :-P

    RispondiElimina
  11. E' molto bella, l'abbiamo visitata pochi mesi fa ed è stato interessantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Debbie e benvenuta!! Altri posti da suggerire? ;)

      Elimina
  12. Andre', so benissimo che non c'entra un fico secco il premio che ti ho preparato, ma passa nel mio blog lo stesso. Senza di te non potrei pensare di preparare verso ottobre una incursione nella citta' piu' bella del mondo!!!

    RispondiElimina
  13. ciao Cri e grazie! ma come non c'entra un fico secco..un premio ci sta sempre bene!! bene bene mi fa piacere che utilizzerai questa guida per la prossima gita a Roma..e se tis erve qualche altra dritta scrivimi pure (sul magnà e beve poi so ferratissimo)!!

    RispondiElimina
  14. mi piaceeeeee!!! Sai qual è una qualità che ti contraddistingue? Che le tue parole corrono via veloci. Si arriva a fine articolo e uno vorrebbe sfogliare la pagina e proseguire la lettura :D Quando lo organizziamo questo meeting tra la guida diceche e la turista (con famiglie al seguito, ovviamente, non voglio far danni!!!)??? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie che bel complimento!!! Ho un paio di incursioni in mente tra breve...ti faccio sapere. Ovviamente non sarò io a fare da guida (alla fine non sono che un "turista" che racconta e riferisce), e ovviamente non sarai tu a fare danni :))

      Elimina
  15. le moschee hanno un fascino immenso, cavolo sono andato a ritroso nel tuo blog, mi sono imbattuto nella chiesa del Gesù...(addirittura) non ne sentivo parlare da tempi immemorabili ormai, "dice che" il tuo blog è davvero assurdo!! chi nel 2012 parlerebbe di Sant'Ignazio e la compagnia del Gesù!!
    la mia prof delle superiori si sarebbe bagnata tutta... ^__^

    RispondiElimina
  16. benvenuto! hehehe la mia invece mi prenderebbe a mazzate...il mio rigurgito di interesse storico/artistico è venuto a scoppio ritardato ben oltre i tempi della scuola. Ma almeno è genuino ;)

    RispondiElimina
  17. grandissimo blog!!! bello davvero, quante cose di Roma che non conoscevo!! Eh con la calma recupero tutto, oh se recupero! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto a me sei molto avvantaggiata...io ne ho altri 198 da recuperare del tuo ;) Grazie e benvenuta!!

      Elimina