giovedì 29 novembre 2012

Dice che due anni so 'na cifra!

Ebbene sì. Due anni per un campione di incostanza sono decisamente un record. Ed è soprendente quante cose siano successe intorno a questo blog nell'ultimo anno. La più esaltante è stata certamente la pubblicazione del libro "Roma Fuoripista", con il quale vi ho martellato adeguatamente gli attributi nei mesi trascorsi (e futuri). E' stata una piccola grande soddisfazione e una divertentissima faticaccia per promuoverlo. Dopo un entusiasmante presentazione (dove ho avuto il piacere di conoscere alcuni di voi), pittoreschi mercatini sotto la pioggia, pellegrinaggi per librerie indipendenti e oKKupazioni di stand in fiera grazie alla disponibilità di amici editori (in tutto questo un editore lo avrei anch'io, ma ne ho perso le tracce), ci siamo infine lanciati sull'organizzazione delle passeggiate "Fuoripista": divertenti tour alternativi alla scoperta dei segreti del centro storico, rigorosamente coronati dall'alcol di un aperitivo e quattro chiacchiere. Qualcuno di voi si è fatto vivo passando per Roma e, tra un rapidissimo giro turistico in modalità Giapponese (Micaela), e una mangiata in trattoria (vero zio Nick?), ha piacevolmente contribuito a rendere questo spazio un pò più vero. Che altro? Mi sono lanciato in un corso di fotografia per rendere più dignitosa la parte "visiva" del blog e mi sono iscritto a un paio di associazioni speleo-archeologiche per avere accesso ai numerosissimi e misteriosi sotterranei romani, così da poterli raccontare anche a voi. Insomma facendo due conti è stato un percorso tutto in salita (o in profondità considerate le mie incursioni sotterranee) e anche questa volta rinnovo la promessa di continuare con lo stesso entusiasmo, con la speranza di essere ancora il vostro punto di riferimento per le migliori dritte ogni volta che sarete di passaggio nella città eterna!


L'anno scorso ho celebrato il primo anno con uno scatto del mio amico e coautore di "Roma Fuoripista" Bruno Lomasto (non questa sopra, questa è mia ;) ); quest'anno voglio farlo regalandovi la bellissima prefazione al libro scritta da un altro amico: Giampiero Venturi.

Roma è una pozzanghera: un pezzetto di fango dove infili i piedi e dici “ammazza...” e uno specchio
che in quel fango ci disegna un campanile. Roma è tutto quello che hai visto e tutto quello ti manca. La folla e il vuoto, l’anna’ pe uno e il rimanere. Roma è un gomitolo di gente senza senso e un bandolo di pensiero senza fine. Roma è vera; Roma è un gioco.
È due passi: il sacro col profano. Uno avanti e l’altro dietro; alternati e qualche volta insieme.
Pensare di guardare in faccia Roma e di’ “sì t’ho capita... adesso te descrivo...” è una mossa da
fregnoni, come er cantastorie stonato venuto pe’ sona’ e finito sonato.
Parafrasando il Marchese del Grillo nel “quando si scherza bisogna esse’ seri...”potremmo dire che “per essere seri, bisogna sapecce ride”.
Roma è a parte. Roma è il disincanto su tutto perché hai visto tutto; è un palcoscenico ardito e retrivo insieme e chi ci sale sopra deve sape’ disincanta’...
Roma va presa di taglio, per traverso, come un vicolo stretto e cencioso che il turista si dimentica di
fare. Roma va presa e indicata a pezzi, uno per volta, con la sfrontatezza che le si addice e l’umiltà di
chi ci si inchina.
Per parlare di Roma devi partire dal piccolo, perché è così grande che ce diventi matto... Per fotografarla devi pensare al particolare, perché altrimenti sei un’altra cartolina. Solo nel piccolo puoi fare una cosa grande: è il destino, l’onore e l’onere di chi con le cose grandi ci si deve confrontare.
È così come chi c’è nato e non ne conosce le strade. Come chi non l’ha mai vista, ma non passa giorno che nun l’ha sentita...
Una finestra su Roma deve essere particolare, laterale, per forza discreta. Per natura, per carattere,
per forza di cose: come il romano vero, per antonomasia allegro e compagnone, ma in realtà per indole, solitario e permaloso. Roma è una girata di spalle davanti al più grande degli eventi, un ma che ce frega che spiega tutto senza dire niente. Roma è il sole sopra che non si guarda mai dritto pe’ dritto.
Roma per natura chiama soggezione. E la soggezione la vinci con l’umore, con l’ironia, con l’inventiva.
Per questo Roma può essere solo un giro fuoripista. Una battuta al margine. Una camminata fuori dal convenzionale. Uno sguardo piccolo e scanzonato su tutto quello che è senza rivali.
Ed è così che ce la presentano Andrea e Bruno.


Infine che dire...siamo a un mese da Natale e se volete regalare un pezzo di questa mia amata città così come ve la racconto, "Roma Fuoripista" sarà sicuramente un regalo gradito che potrete ordinare on line sul sito www.romafuoripista.com (o trovarlo nelle librerie indicate sempre sulla stessa pagina alla sezione "dove trovarlo"). Una selezione dei migliori itinerari raccontati nel consueto stile "dice che a Roma" e accompagnati dalle bellissime foto di Bruno Lomasto.
Un grazie speciale a Zio Scriba, Nato Stanco, la Pestifera Micaela, lo zio Piero, Jajo e Claudia per essersi palesati oltre lo schermo.
Ai ragazzi della Tunuè (editori dell'immaginario) per la disponibilità.
Agli "stolti" Andrea e Simona per l'appoggio e la collaborazione.
A Bruno per la sua amicizia e il suo prezioso contributo al nostro lavoro.
A tutti quelli che hanno ordinato, letto e apprezzato il libro.
E a tutti voi che passate di qui, lasciate una traccia, commentate, correggete e siete il mio stimolo a continuare in questo modo ancora per molto, moltissimo tempo!
A prestissimo (daje che la prossima volta vi riporto sotto terra ;) ),

Andrea

34 commenti:

  1. Due anni??? Pensavo che questo blog fosse più giovane :-)

    Beh, che dire se non...continua così: sei una delle poche letture interessanti che si trovano in rete!
    Quindi grazie, anche da parte di Roma nostra :-)

    RispondiElimina
  2. sta frase riproponimela quando mi vedrai dal vivo "35 anni??? pensavo fossi più giovane" ;) Grazie mille!!

    RispondiElimina
  3. A U G U R I !!!! ^__^ ANCHE PER LA COSTANZA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi è n'amica tua? Io non la conosco ;)

      Elimina
  4. Tanti auguri allora!! E mille di questi post!
    Un abbraccio!!
    :-)
    Ciao Andrea!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Sara!! E buon viaggio dall'altra parte dell'emisfero ;)

      Elimina
  5. Risposte
    1. grazie Franci!! ci vediamo il 15 ;)

      Elimina
  6. vista la passione che ci metti, credo (spero e ti auguro) sia il primo di una carriera di successo di blogger-scrittore e neo fotografo.
    un bacione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara! bell'augurio mi piacciono le cose ibride ;)

      Elimina
  7. Beh auguri ;)
    Bellissima anteprima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. famo antefatto e stamo a posto! ;) grazie Amlè

      Elimina
  8. Sono io che ringrazio te, caro amico! La serata con te e l'ormai comune amico Pasquale alla Garbatella rimarrà per me un ricordo (non solo gastronomico) bellissimo, e il tuo ROMA FUORI PISTA oltre a testimoniare (come del resto il blog Dice che a Roma) il tuo grande amore per la tua città, si sta rivelando una preziosa fonte di curiosità da appagare allorché verrà (spero presto) il giorno del mio ritorno nella capitale.

    Un abbraccio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Nick! allora aspetto il tuo prossimo ritorno...prossima volta Piagneto, promesso!

      Elimina
  9. I miei complimenti per tutto e grazie per il tanto che hai saputo dare in questi anni.

    RispondiElimina
  10. Bella, Andre'! Auguri ar blogghe e pure ar neo fotografo ...vedo che ne hai bisogno! :))))

    Se vedemo sottotera (da vivi, però! :D :D :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggi qua zio Piè: "come il romano vero, per antonomasia allegro e compagnone, ma in realtà per indole, solitario e PERMALOSO". Che c'hai da dì sulle foto? Sto sfocato artistico su Giordano Bruno nun te piace? grrrrr :)))

      Elimina
    2. ahahahah, ma te te dimentighi che er romano vero oltre a esse permaloso, è anche uno che sfotte sempre, pure si nun c'è da sfotte! :D :D :D

      piesse: grazie per il grazie de sopra

      nartro piesse: cioosaisi' che quanno voi basta che me fainfischio e uscimo affa' e foto 'nzieme, si? :))

      Elimina
  11. Io è da pochissimo che leggo il tuo blog ma sono stracontenta di leggere le tue avventure. Ok, dopo questa "te dò na pacca sulla spalla e te auguro un successo enorme" ;) un abbraccio, Lafranci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io sono stracontento di avere una nuova lettrice!! Benvenuta Franci!

      Elimina
  12. Auguri, Andrea, e cento di questi... libri!
    AG

    RispondiElimina
  13. Io sono una tua follower molto giovane, nel senso che ti seguo da poco.. :) Quindi capisco solo adesso perché mi hai di comprare anche il libro, la prossima volta che vengo a Roma, nel mio commento al post sulla fontana/rotatoria! :D

    Augurissimi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe grazie Cri! E io che pensavo di martellare troppo...evidentemente non abbastanza visto che ancora non ne eri al corrente ;)

      Elimina
  14. E' veeeero tu li fai qualche giorno dopo di me!!! Siamo praticamente coetanei (eh se, magari!).
    Un mondo di auguri per quello che ci racconti: una Roma diversa. Un mondo di auguri per come ce la racconti, sei un mito. Un mondo di auguri li faccio anche al tuo libro, che io ho la fortuna di avere sulla mia libreria. Vai caro Andrea, sei bravissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quel poco che vedo e leggo e conosco di te direi che siamo "coetanei" anche per stimoli, curiosità e voglia di fare! Ed e' quello che conta no? Grazie 1000 e a presto!

      Elimina
  15. Ciao! arrivo al tuo blog per caso e io direi anche per fortuna...mi capita spesso di venire a Roma per lavoro, e mi meraviglio ogni volta davanti alle sue bellezze! Complimenti e ti seguirò sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortuna per me che tu sia arrivata per caso! Grazie mille e benvenuta!

      Elimina
  16. Augurissimi grande André!!! Il mio voto ce l'hai!!! Sappilo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se intendi per le prossime elezioni te ringrazio ;) (grazie mille, m'avete pure fatto vince)

      Elimina
  17. Ciao Andrea,mi sono imbattuta per caso nel blog,beh che ti devo dire,calcola che dovevo preparare il pranzo per mio figlio e invece ancora leggo...che mamma snaturata!!!sono anche io di Roma,la amo e penso che leggere i tuoi bellissimi racconti riesce in pieno ad esprimere cio che io non riuscirei a descrivere,ti faccio i complimenti e se qualche volta potessi parlare del mio quartiere ,Villa Gordiani ,ne sarei contenta,sei forte,continua così,ciao,Stefania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahah mi sento quasi in colpa per il povero affamato!! Grazie mille Stefania, non sai che piacere leggere commenti come il tuo! Sono la persona più discontinua del mondo..e ogni volta che sto per mollare la presa leggo che qualcuno apprezza quello che faccio per la nostra città e mi viene la carica per un'altra decina di post almeno! quindi grazie davvero!!

      Elimina